Tecnici rapiti, qualcuno voleva il “bonus” riscatto

Il sequestro di Cacace e Calonego: il 19 era prevista la fine dei lavori e così la conclusione dei subappalti, compresa la sicurezza
Tecnici rapiti, qualcuno voleva il “bonus” riscatto

Dalla città di Ghat dicono: “Sappiamo chi sono”. Da New York, il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni afferma: “Stiamo lavorando, sono le giornate più delicate. Dobbiamo permettere a chi sta operando di farlo nel massimo del riserbo e senza polemiche”. Le famiglie dei due tecnici della Con.I.Cos, Danilo Calonego e Bruno Cacace, stanno col fiato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.