Tarzan, come essere allo zoo e cercare le gabbie per gli umani

A metà tra un sequel e il “Libro della giungla”, della “Leggenda” si salvano soltanto gli animali ricostruiti al computer. Il resto non vale una liana
Tarzan, come essere allo zoo e cercare le gabbie per gli umani

Io Tarzan, tu Jane, essi dormono. Ovvero, noi dormiamo, noi spettatori, “costretti” a sorbirci un sonnacchioso rilancio (reboot) cinematografico del personaggio creato da Edgar Rice Burroughs. Non funziona quasi nulla, con la splendida eccezione degli animali, soprattutto i gorilla Mangani da cui viene allevato Tarzan: realizzati in computer grafica (CGI), scimmioni, leoni, elefanti, gazzelle, ippopotami […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.