» Cultura
giovedì 14/07/2016

Tarzan, come essere allo zoo e cercare le gabbie per gli umani

A metà tra un sequel e il “Libro della giungla”, della “Leggenda” si salvano soltanto gli animali ricostruiti al computer. Il resto non vale una liana
Tarzan, come essere allo zoo e cercare le gabbie per gli umani

Io Tarzan, tu Jane, essi dormono. Ovvero, noi dormiamo, noi spettatori, “costretti” a sorbirci un sonnacchioso rilancio (reboot) cinematografico del personaggio creato da Edgar Rice Burroughs. Non funziona quasi nulla, con la splendida eccezione degli animali, soprattutto i gorilla Mangani da cui viene allevato Tarzan: realizzati in computer grafica (CGI), scimmioni, leoni, elefanti, gazzelle, ippopotami […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cultura

40 anni fa “La gatta cenerentola”, una pietra miliare del teatro del 900

Cultura

A zonzo per un luogo che non c’è: a volte il teatro sa essere vita

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×