Tartus, addio alla zona franca di Putin

Kamikaze in azione. 145 morti fra il porto gestito dai russi e Jableh, roccaforte fedeli ad Assad
Tartus, addio alla zona franca di Putin

Nella Siria di domani, i russi hanno una certezza: il porto di Tartus. Magari il Cremlino è pronto a rinunciare allo storico alleato Assad, ma non allo sbocco sul Mediterraneo per le sue navi da guerra. I russi tengono talmente al “loro” porto – utilizzato sin dal 1971 – che un anno fa, nel luglio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.