Taranto è rassegnata a non cambiare mai

Apatia - Nessuno crede più alle promesse: il conflitto è rimosso, gli ambientalisti spaccati
Taranto è rassegnata a non cambiare mai

L’Ilva di Taranto è sempre lì: campo di prova dell’ennesimo governo italiano. Giuseppe Conte è il quinto presidente del Consiglio dal 26 luglio 2012, giorno in cui la magistratura sequestrò gli impianti per il disastro ambientale e l’avvelenamento di sostanze alimentari provocate dalle emissioni velenose della fabbrica siderurgica. Eppure tra i tarantini ancora una volta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.