Tamburi di guerra: i Sioux e l’oleodotto che piace a Trump

Prosegue a oltranza la protesta contro il progetto su cui aveva investito il magnate-presidente
Tamburi di guerra: i Sioux e l’oleodotto che piace a Trump

Nonostante il freddo polare e la prima tempesta di neve in arrivo, i membri della tribù Sioux del Nord Dakota assieme ad altre migliaia di persone tra nativi americani e attivisti per i diritti umani e la protezione dell’ambiente, hanno ribadito al governatore repubblicano che non se ne andranno dal campo di Standing Rock. “Il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.