Tablet e smartphone ci stanno “a cuore”: come usarli senza rischi

Attenzione al “vamping”, una cattiva abitudine dei giovani. Meglio non usare i dispositivi elettronici di notte

Gentile professoressa Galiuto, il mio ritmo cardiaco era troppo lento, sono anche svenuto e mi hanno impiantato un pacemaker. Sono un accanito utilizzatore di cellulare per lavoro e per svago. Ma può in qualche modo interferire con il corretto funzionamento del pacemaker?   Il pacemaker è uno strumento prezioso che salva la vita quotidianamente a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.