“Suono da 40 anni e molti mi credono appena nato”

Ezio Bosso: note e memoria per ricostruire
“Suono da 40 anni e molti mi credono appena nato”

Il portoncino di legno al centro di un vicolo di Bologna è socchiuso, ne sta uscendo una signora che giura che al citofono non corrisponde più la scritta che vi è affissa. Momento di silenzio, poi la musica. “Se cerca Bosso, sì. Lui è lì, la prima porta a sinistra”. Il crescendo della musica si […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.