Sulle barche davanti alla Libia: “Eccoli, li stiamo salvando”

Mari agitati - Le navi delle organizzazioni umanitarie ai limiti delle acque territoriali di Tripoli: “Non ci entriamo mai, siamo coordinati da Roma, basta con i sospetti”
Sulle barche davanti alla Libia: “Eccoli, li stiamo salvando”

“Abbiamo davanti alla nave una barca con della gente da salvare. Chiamate dopo, non riusciamo a parlare. Non potete immaginare cosa succede a bordo quando devi caricare centinaia di persone”. Ore 16 di ieri: tre navi delle Ong sono davanti alla Libia. Sono a circa venti miglia dalla costa, quindi nello spazio internazionale al di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.