Sull’aereo della Shalabayeva “Abbiamo l’ok del prefetto”

Nell’inchiesta una poliziotta racconta come andò con i kazaki passati per il Viminale
Sull’aereo della Shalabayeva “Abbiamo l’ok del prefetto”

Quali garanzie erano state offerte, dal governo italiano, fra il 28 e il 31 maggio 2013, quando Alma Shalabayeva e la sua figlia di cinque anni furono estradate – sequestrate, secondo l’accusa della procura di Perugia – in Kazakhistan? Al di là delle dichiarazioni rese dai vertici del ministero – a partire dall’ex capo di […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.