Sul voto segreto ci fu battaglia pure nell’antica Roma

Il voto segreto, secondo le cronache parlamentari, è stato uno dei protagonisti dello scontro politico sull’ultimo capitolo della riforma elettorale. Dopo la ‘macellazione’ del Porcellum da parte della Corte costituzionale, con il venir meno dell’Italicum schiantato dalla bocciatura popolare delle riforme costituzionali, siamo giunti al Rosatellum. Sorvolando sul penoso uso giornalistico del latinorum, nel primo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.