Su Internet nessuno al sicuro. Non si salva neppure Yahoo!

L’attacco risale al 2013, ma altri 500 milioni di informazioni sono stati sottratti nel 2014. Prima, anche Adobe e Linkedin. L’azienda: “Cambiare password e monitorare i conti”
Su Internet nessuno al sicuro. Non si salva neppure Yahoo!

Il termine tecnico è data breach: breccia, falla, buco nell’imponente archivio di dati detenuti dalle società del digitale e dell’hi-tech. Nomi utente, password e tutto quanto è ricavabile da questa combinazione. Su Yahoo! i sospetti c’erano da settimane, ma ieri è arrivata la notizia ufficiale: l’azienda – nota per il motore di ricerca, ma soprattutto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.