Stragi del ‘92, anche il boss Messina Denaro tra i mandanti

Stragi del ‘92, anche il boss Messina Denaro tra i mandanti

La decisione era ormai presa. Ma per dare il via libera alle stragi di Capaci e via D’Amelio era necessario mettere in campo l’apparato esecutivo degli attentati contro Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Per questo alla fine del 1991 Totò Riina avrebbe incontrato più volte Matteo Messina Denaro non ancora riconosciuto come un padrino in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.