Strage di Aleppo: domande senza risposta

Caro Furio Colombo, la domanda che vorrei rivolgere è la seguente: perché finora non si è riusciti a innescare un movimento di opinione che si batta per fermare lo scempio di Aleppo? Non mi convince la tesi che siamo diventati aridi e insensibili. Mi sembra invece che non sappiamo più come manifestare in modo efficace […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.