Strage ad Ankara: “Gli Usa avevano dato l’allarme”

Terrore alla fermata dei bus: 33 morti. L’esplosione vicino i palazzi del potere. “Sono stati i ribelli curdi del Pkk”
Strage ad Ankara: “Gli Usa avevano dato l’allarme”

Trentatre morti e settantacinque feriti. È il bilancio – ancora provvisorio – dell’autobomba esplosa ieri pomeriggio nel centro di Ankara. Per la terza volta, in soli cinque mesi, la Turchia è scenario di attentati. Mentre i feriti vengono portati in una decina di ospedali sparsi in tutta la capitale, trapelano poche notizie sia sulla dinamica […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.