“Stefano, io e i nostri giorni insieme strappati alla morte”

Chantal Borgonovo - La vedova del campione morto di Sla si racconta in un libro: “Non è una storia triste, ma non fa sconti”
“Stefano, io e i nostri giorni insieme strappati alla morte”

Ci sono storie che non meritano aggettivi o definizioni, perché suonerebbero falsi o inutili. Sarebbe facile blaterare di amore e dolore, speranza e coraggio, vita e morte. Ma non servirebbe a nulla. La storia di Stefano Borgonovo – l’ex campione di Fiorentina e Milan ucciso nel 2013, dopo otto anni di lotta, dalla SLA – […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.