» Italia
sabato 01/07/2017

Stalking, con il ddl Penale basta pagare e il reato è estinto. il Pd in imbarazzo fa mea culpa e cerca la toppa

Retromarcia - Altro che “fake news”, governo e Dem ammettono di aver depenalizzato la legge che dovrebbe tutelare le donne perseguitate: “Correggeremo”
Stalking, con il ddl Penale basta pagare e il reato è estinto. il Pd in imbarazzo fa mea culpa e cerca la toppa

Il copione è sempre lo stesso: fatta la legge, trovato il buco, messa la toppa. E in tutto questo giro, c’è un partito che si sbugiarda da solo mentre accusa gli altri di diffondere bufale.

La legge. È l’articolo 162 ter del ddl penale (relatrice la deputata dem Donatella Ferranti) approvato a metà giugno che, di fatto, depenalizza molti casi di stalking. Sintetizzando: grazie a questa nuova norma potrebbe bastare pagare una somma stabilita dal giudice (prima di andare quindi a processo) e il reato sarebbe estinto. Una forma di “giustizia riparatoria” applicabile solo nei casi di stalking a querela revocabile che, come sottolineano esperti e associazioni, sono la maggior parte. Dagli sms pressanti alle telefonate insistenti, fino all’essere perseguitati dalla presenza fisica dello stalker: sono circostanze che si manifestano più frequentemente di un coltello o di una pistola puntati alle tempie. E che non escludono, come hanno dimostrato molti casi di cronaca, un esito violento.

Il buco. Nonostante le rassicurazioni del guardasigilli Andrea Orlando, che già giovedì aveva prima parlato di “preoccupazioni non fondate” e poi aveva assicurato di essere pronto a “riconsiderare la punibilità a querela prevista nella legge del 2009”, ieri sono arrivati appelli da ogni parte del parlamento, che sul ddl Orlando ha solo potuto porre la fiducia. “Con le colleghe del Senato studieremo l’emendamento più efficace che tuteli le donne vittime di violenza” ha detto la senatrice del Pd Francesca Puglisi. “Mi associo all’invito affinché la disponibilità del Ministro a modificare la norma si traduca al più presto in fatti”, ha detto la deputata Elena Centemero, forzista come Mara Carfagna che ha invitato le ministre del governo a “vigilare” sulle modifiche che saranno apportate. “È assurdo – ha detto invece la senatrice Paola Taverna del M5s –, molesti, paghi ed è cancellato il reato. Facciamogli anche lo scontrino cortesia, così poi ritornano”. E poi, c’è la sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, che durante un convegno della Cisl ha dichiarato “apprezzamento” per la volontà di Orlando di modificare la legge. Insomma: il Pd smentisce il Pd. Mercoledì, il sottosegretario di stato al ministero della Giustizia, Gennaro Migliore, aveva pubblicamente bollato come fake news (in un tweet ripreso anche dall’account ufficiale del Partito democratico) l’allarme lanciato da Cgil, Cisl e Uil e poi avvalorato dal presidente dell’Associazione nazionale magistrati, Eugenio Albamonte. “La riforma del processo penale che prevede la possibilità che il giudice estingua il reato nel caso di riparazione del danno – aveva detto Migliore – si applica solamente ai reati procedibili a querela remissibile. Certamente non per lo stalking”. Due giorni dopo, la smentita è incontestabile.

La toppa. Tanto che ora tocca porre rimedio: dal ministero fanno sapere che la situazione (e non la norma, che resta così com’è) potrebbe essere sanata con un emendamento inserito in un altro veicolo legislativo. Potrebbe, in pratica, essere contenuta o nel ddl sugli orfani di femminicidio oppure in quello sulla prostituzione minorile. Entrambi da discutere in Senato, entrambi senza date specifiche. E il contenuto? Non ancora definito. “I giuristi ci stanno lavorando in questo momento”, assicurano. L’idea è quella di modificare la Legge sullo stalking (introdotta appunto nel 2009) rendendo il reato perseguibile d’ufficio e quindi annullando l’effetto dell’articolo del ddl penale che, pur avendo conseguenze sullo stalking, riguarda anche altri reati. “L’esecutivo – suggerivano ieri Cgil, Cisl e Uil – deve subito specificare con una norma che nessuna denuncia per questo reato rientri nella sanzione riparatoria”.

I danni.Uno studio dal titolo “Quanto costa il silenzio”, realizzato dalla ong WeWorld patrocinata dal Dipartimento per le Pari opportunità ha poi tradotto in termini economici la violenza sulle donne, quantificando accanto ai danni fisici, anche quelli morali e psicologici dalla vulnerabilità in cui si ritrova a vivere il nucleo familiare, all’impatto sulle relazioni fino alla trasmissione da una generazione all’altra della violenza: i costi “umani e di sofferenza” ammontano a oltre 14 miliardi di euro l’anno. E i dati confermano la gravità: in Italia le donne vittime di una qualche forma di violenza, nella fascia di età compresa fra i 16 e i 70 anni sono 6 milioni e 788 mila, ovvero il 31,9% del totale. Solo il 18,2 per cento di chi ha subìto violenze le considera reati e solo l’11 per cento li denuncia. E, senza la sicurezza che questa sia efficace, potrebbero solo diminuire.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Lo sberleffo

Da Fassino mi guardi Iddio

Si badi benela leadership di Matteo Renzi “non è in discussione”, ma dopo l’esito infausto delle elezioni amministrative c’è un’esigenza di “riorientamento”. L’analisi è di Piero Fassino, sconsolato “ex” (segretario di partito e sindaco) in cerca di ricollocazione. La cautela è quindi d’obbligo, ma a cercare di compendiare l’esigenza di dire qualcosa con quella di non urtare la suscettibilità di ego particolarmente espansi può capitare che qualche parola di troppo fugga di senno. “Nel giro di due anni c’è stato uno smottamento elettorale in tante città italiane” mentre la politica del Pd “si è concentrata su riforma costituzionale, legge elettorale e le alleanze”. Argomenti “ovviamente strategici” ma che “non investono la vita quotidiana dei cittadini”. Come la sicurezza: “A Sesto volevamo costruire una moschea, il centrodestra un commissariato: hanno vinto loro”. In economia nota Fassino “la crescita comincia a esserci, ma è ancora bassa”. Detto questo “sarebbe sbagliata qualsiasi minimizzazione, questo voto è più di un campanello d’allarme”, ci vuole un rilancio del progetto riformista, altro che alleanze. In conclusione per Fassino “non vi è una questione di leadership da riaprire” come si capisce “anche dalle parole di Veltroni e Franceschini”. Dai nemici mi guardo io, dagli amici mi guardi Iddio.

Italia
La proposta in commissione

Vaccini a scuola, la modifica al decreto: da 12 a 10 obbligatori

Un minornumero di vaccinazioni obbligatorie per l’iscrizione a scuola ma anche un concetto di obbligatorietà più flessibile. Il decreto sull’obbligo vaccinale per la scuola potrebbe cambiare volto: in commissione Sanità del Senato, ieri è stato presentato un emendamento per ridurre le vaccinazioni obbligatorie. La proposta arriva dalla presidente della commissione Sanità, Emilia Grazie De Biasi e prevede di diminuire il numero dei vaccini previsti come obbligatori per l’iscrizione a scuola dagli attuali 12 a 10. I vaccini obbligatori resterebbero i 6 già previsti nell’esavalente a cui si aggiungerebbero anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite e anti-varicella. Per queste ultime 4 vaccinazioni però l’emendamento prevede una verifica dopo 3 anni dall’entrata in vigore della legge per accertare il livello di copertura vaccinale raggiunto. Se ottimale, per queste vaccinazioni l’obbligatorietà può essere sospesa. L’antimeningite B e C tornerebbero ad essere solo raccomandati. Ieri, sul fronte vaccini, una nuova sentenza – della Corte d’appello di Salerno – ha ribadito che non esiste dimostrazione di un nesso causale tra vaccinazioni e autismo.

Testatine

Testatina del 01/07/2017

Italia

Troppe leggi scritte con i piedi: Consulta intasata e gran caos

Temptation Island, il fascino ipnotico del nostro peggio
Italia
La storia

Temptation Island, il fascino ipnotico del nostro peggio

di
Suicidio web, il blackout pericoloso del buon senso
Italia
La polemica

Suicidio web, il blackout pericoloso del buon senso

di
Sanità: business per ricchi e fatturati da capogiro
Italia
I nuovi padroni

Sanità: business per ricchi e fatturati da capogiro

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×