Spoleto, non tutte le crepe vengono per nuocere

Vincenzo Pennacchi rielabora sette spaccature dovute al terremoto con specchi, frammenti di tela e carta dipinta. Al secondo piano, le “Cortesie” dei galleristi
Spoleto, non tutte le crepe vengono per nuocere

Giunto con disinvoltura al settimo anno di sfaccettata (con la costante strategia, talvolta rischiosa, di mescolare l’antico al nuovo) direzione di Palazzo Collicola, Gianluca Marziani non ha avvertito eclatanti segni di crisi, se non per il terremoto umbro, che ha innescato una paura in gran parte inutilmente dannosa per la stessa Spoleto. Il Palazzo è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.