Spari a Palazzo Giustiniani. Ucciso il Gran Maestro

Designato al vertice del Grande Oriente, era stato vicesindaco di Roma: fu ammazzato da un folle la sera del 31 ottobre 1917
Spari a Palazzo Giustiniani. Ucciso il Gran Maestro

Alle cinque della sera, il commendatore Achille Ballori è seduto alla sua scrivania a Palazzo Giustiniani. Roma, 31 ottobre del 1917. Sei giorni prima, Ballori è stato designato come futuro Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia (Goi), la più antica e importante comunione massonica del Paese. Non è solo. In stanza con lui c’è Ulisse […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.