Sono fedeli allo spirito di Bologna. Il loro difetto è la troppa coerenza

Sono fedeli allo spirito di Bologna. Il loro difetto è la troppa coerenza

C’ero al V-day dell’8 settembre 2007. E sono contento di aver parlato dal palco insieme a Travaglio, che non era ancora il Travaglio superstar di oggi, a Sabina Guzzanti e, mi pare, ad Alessandro Bergonzoni. In piazza Maggiore, piena fino all’inverosimile, si respirava un’atmosfera che mi suonava dentro. Un’atmosfera anti-partiti, contro i quali avevo cominciato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.