Sirte-Stalingrado e la trappola di Haftar

L’“esercito” libico impantanato nella città difesa dall’Isis. E il generale ribelle ne approfitta
Sirte-Stalingrado e la trappola di Haftar

Sguardo basso mentre prova a rimettere insieme i pezzi di memoria del giorno in cui il suo migliore amico è stato ucciso da una mina dello Stato Islamico a Sirte. Mohamed, 26 anni, studente di ingegneria all’università di Misurata, racconta al Fatto: “Una settimana fa stavamo entrando in una casa per bonificarla e, appena abbiamo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.