Siria, mamme e neonati finiscono sotto le bombe

L’ospedale pediatrico di Idlib finanziato da Save the Children diventa obiettivo di un raid aereo: almeno due morti e diversi feriti
Siria, mamme e neonati finiscono sotto le bombe

Acinque mesi da quello all’ospedale del distretto di Idlib gestito da Medici senza Frontiere, continuano gli attacchi alle strutture sanitarie. In quell’occasione l’Ong aveva denunciato questi raid come strategici, finalizzati a indebolire i soccorsi e le cure mediche anche di chi combatte sul territorio. Ieri è toccato a un ospedale pediatrico vicino a Idlib, nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.