“Siore, compri l’almanacco. Presto cadrà il governo…”

Dialogo semiserio tra un venditore di calendari e un passeggero pensionato: “Vendo trimestrali, qui si vive alla giornata. Tenga conto che già in agosto i parlamentari scappano al mare”
“Siore, compri l’almanacco. Presto cadrà il governo…”

Venditore. Almanacchi, almanacchi nuovi; lunari nuovi. Bisognano, signore? Pensionato. Ma che dice? Ha sbagliato secolo: vende almanacchi nel 2017? Venditore. Almanacchi, perché no? Non è forse questo tempo di almanaccare? Pensionato. Ho capito, lei è un filologo, e magari anche filosofo. Almanaccare come escogitare qualcosa su un progetto. Venditore. Bravo signore, ha capito tutto: oggi […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.