» Economia
martedì 19/09/2017

Tasse sulle sigarette, il mistero del miliardo mancante

Il Tesoro rivede al ribasso da 11,05 a 10,5 miliardi gli incassi per il 2017 che, invece, dovevano salire
Tasse sulle sigarette, il mistero del miliardo mancante

Nella politica economica c’erano poche certezze: se hai un bisogno disperato di soldi, puoi sempre aumentare le tasse sulle sigarette, i produttori alzeranno un po’ i prezzi, i fumatori protesteranno ma continueranno a fumare. Ma non è più così semplice: a inizio 2017 il ministero del Tesoro si aspettava di incassare 11,05 miliardi di euro dalle “imposte sul consumo dei tabacchi”. Poi, per correggere in corsa i conti dell’anno, nella “manovrina” di primavera ha previsto un piccolo inasprimento fiscale che doveva portare altri 85 milioni. E invece il Senato ha appena votato l’assestamento, cioè una correzione tecnica dei conti dell’anno in corso, in cui la previsione di incassi dalle tasse sulle sigarette scende di un miliardo secco, da 11,05 a 10,05 miliardi. I calcoli interni all’Agenzia dei monopoli, che raccoglie le accise per conto del Tesoro, dicono che la differenza potrebbe rivelarsi minore, alla fine, ma comunque superiore ai 500 milioni.

Anche le sigarette elettroniche sono un (prevedibile) disastro: i consumatori sono scesi dai 2 milioni del 2013 ai 500.000 del 2015, ma comunque a inizio anno il Tesoro aveva previsto un gettito fiscale dal settore di 5 milioni di euro e invece ora la stima scende a soli 3 milioni. Il tracollo delle sigarette elettroniche non stupisce, tra evasione fiscale diffusa nel settore, scarsa convinzione dei consumatori e arrivo di nuove tecnologie come il tabacco scaldato dell’iQuos di Philip Morris. Ma sono pochi spiccioli. Una revisione al ribasso così netta sul settore delle sigarette tradizionali è una novità rilevante. Anche se il Tesoro continua ad attendersi incassi ottimistici per i prossimi anni, 11,4 miliardi nel 2018 e 11.7 nel 2019, nonostante il mercato sia in calo, quest’anno, di circa il 2 per cento (previsioni che saranno riviste nella legge di Stabilità).

Quello del tabacco è un settore delicato: da tempo i grandi gruppi hanno messo in conto che il loro destino è affrontare aumenti del carico fiscale, calo della domanda e crescenti limiti al fumo negli spazi pubblici. Per questo stanno cercando, oltre a limitare i danni, di spostarsi su prodotti che mantengano la dipendenza ma siano meno tassati e più fruibili. Dal punto di vista dello Stato, alzare le tasse in modo troppo brusco o eccessivo rischia di far crollare il gettito, se crollano i consumi o se migrano verso il contrabbando.

Nel 2015 è cambiata la struttura delle accise che gravano sul pacchetto di sigarette, poi alzate con la “manovrina” 2017: aliquota base è passata dal 58,7 al 59,1 per cento, quella “specifica” cioè per unità di prodotto è salita dello 0,5 al 10,5 per cento, aumento di 5 euro per l’onere fiscale minimo sulle sigarette che passa da 170 euro al chilo a 175,54 euro. “Un tale intervento, incrementando l’incidenza fiscale sui prodotti di prezzo basso, non sembra rispondere alle finalità originarie della riforma che doveva tracciare un percorso di crescita bilanciata e sostenibile del carico fiscale”, notano tre economisti (Marco Spallone, Stefano Marzioni, Alessandro Pandimiglio) in uno studio coordinato dal centro Casmef della Luiss e sostenuto da British American Tobacco, uno dei gruppi colpiti dalla riforma perché opera nei segmenti a basso prezzo. Il Tesoro si aspettava che i produttori trasferissero le nuove tasse in aumenti del prezzo. Ma non è successo, a differenza di quello che si era osservato negli ultimi anni: nel 2015, per esempio, l’anno della riforma del settore, il mercato era calato dello 0,8 per cento, le accise aumentate del 2,9 e i prezzi del 3,3 per cento.

I produttori di fascia alta hanno una domanda abbastanza rigida e sono più liberi di decidere se alzare i prezzi o meno, quelli che offrono marchi più economici hanno ormai riscontrato che trasferire le nuove tasse sui consumatori finisce per causare più danno che beneficio, visto che si perdono clienti. Usare le sigarette come bancomat, per il Tesoro, rischia di essere sempre più difficile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Economia
L’Opa fa flop

Caltagirone, fallisce la fuga dalla Borsa “Prezzo troppo basso”

Si è chiusa l’Opa lanciata da Chiara Finanziaria, società del gruppo Caltagirone, su Caltagirone Editore. Le adesioni sono state pari a 96.810 azioni, lo 0,28% dei titoli oggetto dell’offerta. L’Opa è quindi fallita. Lo scorso mese il gruppo che fa capo all’imprenditore romano Francesco Gaetano Caltagirone aveva annunciato l’intenzione di togliere dal listino di Borsa la Caltagirone editore (23.400 soci) lanciando un’Offerta pubblica d’acquisto (Opa) sulla quota che ancora non controlla della società che edita diversi quotidiani, tra cui Il Messaggero. Caltagirone ne ha il 65% e aveva offerto un euro per azione ai soci di minoranza. Un prezzo che valuta la società 125 milioni. Problema: solo contando liquidità e patrimonio netto vale 3,8 euro ad azione. Nei giorni scorsi, Caltagirone ha così alzato il prezzo a 1,22 euro. Alcuni fondi, tra cui Amber, hanno raccolto una quota superiore al 10% e così sono riusciti a bloccare l’Opa (serviva almeno l’80%). Stando ai nuovi consiglieri nominati nel cda (in alcuni casi esperti di acquisizione) sembra che l’intenzione di Caltagirone era di vendere la parte editoriale una volta ritirata la società dalla Borsa. Ma il piano è naufragato.

Politica

Il Senato oggi vota la mozione sulle banche. Numeri sul filo

Economia

Manovra, la tentazione nuovi condoni

Economia
sanitàko - In Italia ci sono 15mila abusivi

Una app smaschera i falsi dentisti

di
I segreti della febbre dell’oro
Economia
L’analisi

I segreti della febbre dell’oro

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×