Si suicida il titolare di una falegnameria pressato da Equitalia

Si suicida il titolare di una falegnameria pressato da Equitalia

Un piccolo imprenditore sessantenne di Scandicci (Firenze) si sarebbe suicidato impiccandosi in un capannone della sua azienda di falegnameria. Il corpo è stato trovato dal socio, che alle 10.30 di ieri ha chiamato i carabinieri della locale compagnia. La magistratura ha disposto l’autopsia. I motivi del gesto sarebbero riconducibili a una grave crisi depressiva legata, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.