Si fa ma non si dice. Gli “omicidi mirati” delle forze speciali

Fra le macerie di Mosul, francesi, americani (e non solo) “illuminano” gli obiettivi per le truppe irachene. E a volte si trovano sulla linea di fuoco
Si fa ma non si dice. Gli “omicidi mirati” delle forze speciali

Nessuno può sapere quello che accadrà sul terreno. La mossa migliore? Continuare la missione”. Questa è la parola d’ordine: continuare la missione, che, ufficialmente, consiste nel trovare gli obiettivi (leggi estremisti islamici) fra le rovine di Mosul e poi indicarli alle truppe di Baghdad. Se ci scappa la sparatoria – o meglio se si abbatte […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.