“Sì, è un amore insensato. Ma voglio andare a Kiev”

Romanzo popolare - Di chi ci credeva
“Sì, è un amore insensato. Ma voglio andare a Kiev”

A pensarci bene è tutto insensato. Non la partita perfetta della Roma, niente affatto un miracolo ma frutto di eccelse, forse irripetibili (speriamo di no) qualità sportive e umane ma questo lo sapevamo già. Parlo di noi, di me, dei sessantamila dell’Olimpico e delle moltitudini davanti alla tv che insensatamente ci credevano, convinti, strasicuri (stai […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.