Si diffonde la paura. Ma di cosa?

Un evento come quello di Parigi (uomo armato di Kalashnikov arriva, spara, uccide, viene ucciso nel centro di Parigi) è quasi un sollievo. Allora è vero. Arrivano. Arrivano chi? Quando l’identificazione sarà completa, sapremo che l’attentatore accurato e misterioso è qualcuno della stessa nazionalità, stesso Paese, stessa lingua, uno che potevi incontrare sul lavoro o […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.