Sfidiamo tutti i giorni un mondo fatto per i destri. E vinciamo

Le matite, le forbici, i mouse. Non si contano gli oggetti disegnati non pensando a noi. E ogni volta che li usi per un attimo te lo ricordi: sei diverso
Sfidiamo tutti i giorni un mondo fatto per i destri. E vinciamo

Chissà se Michelangelo la mattina prendeva brioche e cappuccino al bar. Perché è quello il primo momento in cui i mancini si sentono così: diversi. Il cameriere, prima di porgere la tazzina, gira il manico verso destra. È un atto di cortesia. Ma tu, mancino, anche da quel movimento capisci di essere minoranza. Diverso, appunto. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.