Servizi idrici, il governo tradisce 26 milioni di voti

La maggioranza, col parere favorevole dell’esecutivo, cancella l’obbligo di gestione pubblica dalla legge che doveva rispettare il voto di 5 anni fa

L’acqua non si vende” era la scritta sui cartelli esposti dai deputati del Movimento Cinque Stelle durante la discussione di ieri in commissione Ambiente alla Camera. Proteste anche fuori da Montecitorio. A scaldare gli animi, del M5s e di Sel, è stato il voto ad alcuni emendamenti del Pd alla proposta di legge sull’acqua pubblica, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.