S’era salvato il diritto di sciopero, ci penserà Poletti

Èun cerchio che si chiude e ne va sottolineata, se non altro, la coerenza. Allora, abbiamo avuto corposi tagli a pensioni e stipendi pubblici, paurose riduzioni di spesa pubblica e relativi servizi ai cittadini. Poi c’è stato l’accordo sulla rappresentanza – incentivato e benedetto dall’allora governo Letta – tra Cgil, Cisl, Uil, Confindustria & C. […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.