Sequestrato il “Gran ghetto” dei braccianti

I sigilli della Dda di Bari sulla mega baraccopoli foggiana, che ha ospitato 3 mila schiavi dei campi
Sequestrato il “Gran ghetto” dei braccianti

Di fronte alla più grande baraccopoli d’Italia, o a quello che ne rimane, ora ci sono i sigilli. La struttura abusiva di Rignano Garganico (Foggia), simbolo nazionale del caporalato, è stata sequestrata dalla polizia, su mandato della Direzione distrettuale antimafia di Bari. Le operazioni sono iniziate mercoledì mattina. In questo periodo dell’anno, ancora lontano dall’inizio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.