“Senza luce, ma continuo a disegnare”

Daniel Camacho - Il vignettista del quotidiano Reforma: “Servono acqua e cibo”
“Senza luce, ma continuo a disegnare”

Sui profili facebook dei colleghi, amici e conoscenti di Città del Messico, i messaggi da loro postati a poche ore dal sisma contengono una lunga serie di indirizzi. “Si tratta dei centri di raccolta allestiti dalla gente subito dopo la scossa. Non servono solo acqua, cibo, medicine, ma anche generatori, torce elettriche e attrezzi per […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.