“Senza di loro la rete sarebbe un mare di fango ingestibile”

“Senza di loro la rete sarebbe un mare di fango ingestibile”

Era una dottoranda all’Università dell’Illinois quando, sfogliando il New York Times a colazione, s’imbatté in un’inchiesta. A un passo da lì, nell’Iowa, esistevano lavoratori che monitoravano i contenuti degli utenti destinati ai social media, prendendo decisioni in merito. Sarah T. Roberts, ora, otto anni dopo, è docente del Dipartimento di Information Studies dell’Università della California […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.