Sentenza Mannino: la fretta del giudice

La fretta, si sa, è cattiva consigliera. Lo è sempre, lo è ancora di più quando è dovuta a pressioni esterne. Un magistrato deve saper decidere nei giusti tempi, nel rispetto della giustizia e delle parti processuali, ma non deve mai farsi condizionare da un articolo al veleno di qualche giornalista irritato dal ritardo nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.