“Se rompe ancora le riempio la boccetta: se casca, amen”

La coppia dell’ospedale di Saronno e le vittime in corsia. Lei minaccia di usare un neurolettico su un’anziana parente: “Deve smetterla”
“Se rompe ancora le riempio la boccetta: se casca, amen”

“Il miscuglio per Adriana”. Un farmaco per “rendere innocuo il nonno” e una dose “per sempre” per la zia. Sono le tre conversazioni, secondo gli atti, che potrebbero confermare la volontà dell’infermiera Laura Taroni e del medico Leonardo Cazzaniga – arrestati per l’omicidio in concorso del marito di lei e per quattro morti in corsia […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.