Se provocato, il passato può dettarci un romanzo

Se provocato, il passato può dettarci un romanzo

Si può giocare a nascondino coi ricordi, fare del linguaggio una coperta da tirare su fin sopra gli occhi per non vedere i fantasmi, girarci intorno, divagare, pubblicare libri di finzione, che sulla copertina vengono chiamati romanzi, ma prima o poi il passato torna, riappare, come una mamma affacciata alla finestra che ci chiama perché […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.