“Se non superiamo i confini dentro di noi la realtà fa paura”

Arundhati Roy - La scrittrice indiana: “Non sono un’attivista. I romanzi servono per raccontare tutta la verità”
“Se non superiamo i confini dentro di noi la realtà fa paura”

Per il lancio mondiale del suo secondo romanzo, Il Ministero della Suprema Felicità, Arundhati Roy sceglie Londra, e a Londra la Union Chapel, chiesa, spazio per concerti, ricovero di homeless ed emarginati. Sale sul palco vestita di bianco, sottile, una figura scarna, delicata. La voce trema mentre inizia la lettura dei primi capitoli, ma poi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.