» Storie d'Italia
mercoledì 05/04/2017

“Se mi pestano i piedi a quei molluschi io…”

“Se mi pestano i piedi a quei molluschi io…”

Lei non ha grande considerazione dei magistrati, per i tutori della legge in genere, li ha definiti “boy-scout del diritto”. Aggiungo che gli avvocati sono intellettuali senza personalità, canne per stendere. Secondo la polizia il potere mafioso è passato da lei a Totò Riina. Lo conosce? Io non avevo nessun potere mafioso da lasciare in […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Storie d'Italia

“Ero socialista, poi è arrivato Bettino Craxi”

Storie d'Italia

“Sposai Fatima, 12enne. Me la vendette il papà”

Varese 1961, l’ultimo rogo dei libri “proibiti” in Italia
Storie d'Italia
La condanna al falò

Varese 1961, l’ultimo rogo dei libri “proibiti” in Italia

di
“Cuccia non capì la grandezza di Olivetti. E il gioiello si sfaldò”
Storie d'Italia
Il libro del banchiere

“Cuccia non capì la grandezza di Olivetti. E il gioiello si sfaldò”

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×