“Se il Sì vince col voto estero via ai ricorsi: troppe anomalie”

Alessandro Pace - Il presidente del Comitato per il No annuncia: “Con queste procedure segretezza e libertà del voto non sono garantite”
“Se il Sì vince col voto estero via ai ricorsi: troppe anomalie”

Il presupposto è la Costituzione (come sempre dovrebbe essere). Precisamente l’articolo 48, secondo comma: “Il voto è personale ed eguale, libero e segreto”. E deve esserlo sempre, sia che il suo esercizio avvenga nel seggio elettorale, sia che avvenga all’estero. Ma così non è. Il perché lo spiega Alessandro Pace, presidente del Comitato per il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.