Se il “Procopio” di Hillary Clinton si chiama Comey

Procopio, storico vissuto alla corte di Giustiniano, oltre che preciso e attendibile osservatore della politica ufficiale e del governo, scrisse un’opera destinata a essere divulgata soltanto dopo la sua morte perché contenente un ritratto impietoso della coppia imperiale. In questa biografia non autorizzata, chiamata le Storie segrete, Procopio fa campeggiare la scaltra, ambiziosa e spregiudicata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.