» Commenti
martedì 10/07/2018

Il Pd frantumato dal dilemma: scegliere il bullo o gli indecisi?

Il Pd frantumato dal dilemma: scegliere il bullo o gli indecisi?

Sabato mattina, in auto direzione Argentario provo ad ascoltare la radio ma le frequenze saltano tra scariche e fruscii. Poi, improvvisamente, una voce inconfondibile, arrogante, bullesca irrompe da Radio Radicale (la sola, con Radio Maria, udibile perfino nelle caverne thailandesi). Si, è proprio lui Matteo Renzi che all’assemblea del Pd interviene con la grazia di un lottatore di sumo incazzato. È nella sua forma abituale. Insopportabile. Non esprime concetti, li mitraglia. Non critica, latra. Non polemizza, sbrana. Come sempre è pericolosamente contagioso.

Mi sorprendo a imprecare da solo. Brutto bischero, hai perso tutto quello che c’era da perdere, hai ammazzato un partito, devastato una storia, ma sei sempre lì che dai lezioni a tutti, bla bla bla. Ma perché ti fanno ancora parlare? (e aggiungo altro che mi vergogno a riferire). Davvero un brutto alterco ma porca miseria finalmente c’è vita sull’autostrada Roma-Civitavecchia, uno squarcio nella noia accaldata dei limiti di velocità, una botta di rabbia e si va su di giri. La parola passa a Maurizio Martina che mi predispongo ad ascoltare con la stessa compunta devozione di un peccatore dopo una notte brava con Nina Moric. Infatti, il tono torna misurato, civile. Poi sempre più quieto, pacato, disteso, distensivo, rilassato, lento, lentissimo, monocorde, ronf ronf. Mentre le palpebre pericolosamente calano percepisco lo sforzo generoso e addolorato del segretario reggente che sicuramente esprime concetti di grande buon senso anche se non capisco quali. Mi perdo in un groviglio lamentoso di “analisi”, “percorsi”, “paesi reali”, “corpi vivi”, “ricerche”, “pluralità” e “sfide”, “sfide” e ancora “sfide” che imbambolato confondo con la doppia sfida bianca al centro dell’asfalto. Che in realtà è la doppia striscia oltre la quale mi sta arrivando addosso un tir.

In fondo, sabato mattina anch’io ho vissuto il dilemma che sta frantumando il Pd. Continuare a subire la prepotenza pubblica (e privata) di un leader disarcionato, e che malgrado tutto continua ad agitarsi nella polvere imprecando frasi sconnesse. Il primo responsabile dello smembramento di quello che un tempo fu un grande partito. Eppure ancora oggi forse il solo capace, con l’arma della paura, di tenere insieme ciò che resta di quel popolo smarrito. Gridando la propria ossessione contro i Cinque Stelle perché usurpatori colpevoli di ciò che il Pd ha smesso di essere. Nella solitudine, nella vendetta, nella rabbia, nell’assenza stessa della politica. Oppure affidarsi a un ceto politico di survivor.

Prese individualmente – Zingaretti, Delrio, Calenda, Orlando – tutte persone rispettabili e con solide esperienze di vertice. Come collettivo una squadra scombiccherata e indecisa a tutto. Che nella sarabanda di fronti repubblicani, fasi costituenti e comitati per l’alternativa non sa più come farsi capire. Un gruppo dirigente che non dirige più e incapace di applicarsi alla grammatica dell’opposizione. Che sul tema decisivo dell’immigrazione sceglie di non scegliere: paralizzato tra il richiamo ai tradizionali valori dell’accoglienza e il timore per la canea montante. Che si fa tranquillamente insultare da un signore che nessuno ha il coraggio di prendere per il bavero dicendogli ciò che merita (l’“imbarazzante” di un maltrattato Paolo Gentiloni resta la reazione più sanguigna). Immaginare cosa sarà la campagna congressuale nei prossimi mesi è roba da brividi. Prudente non farlo mentre state guidando.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Nel comitato dei 36

Il sociologo De Masi, ex consulente M5S, tra i promotori di Leu

È stato consulente dei Cinque Stelle, che gli avevano commissionato una ricerca sul mondo di lavoro. Ora, il sociologo Domenico De Masi entra tra i 36 componenti del comitato promotore di Liberi e Uguali, che da lista elettorale diventa partito: “Cerco la sinistra dove spero di trovarla, con la stessa curiosità che mi spinse a cercare nei Cinque Stelle”, ha spiegato il professore. In serata De Masi ha precisato che non si tratta di “delusione per il M5S”: “Come sociologo del lavoro son ben felice di dare una mano sulle tematiche del lavoro per redigere un documento di base a beneficio di Leu, come avevo già fatto per i Cinque Stelle. Per questo ho accolto l’invito di Pietro Grasso”. A margine, De Masi ha detto la sua sul decreto dignità firmato dal ministro Luigi Di Maio: “È un timidissimo tentativo di contrastare il Jobs Act, anche se alcuni aspetti di quello li contrasta – dice De Masi -. È bastato per scatenare l’ira di dio a destra, dove sono attentissimi alle proprie conquiste, non come la sinistra con lo Statuto dei lavoratori”.

Mondo

Madrid e Barcellona si riparlano: “Ma no all’autodeterminazione”

Politica

Renzi prepara l’esordio in tv su Mediaset

Commenti
cosa resterà...

I bei fratini nell’oasi naturista

di
Commenti
Il Marmidone

La “demofobia” di Boeri e Saviano, maestri di qualunquismo come Cetto

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×