“Scattare foto non è reato, ma mio fratello marcisce in prigione”

Il caso Shawkan - Arrestato nel 2013 in piazza Rabaa, il freelance attende ancora il processo
“Scattare foto non è reato, ma mio fratello marcisce in prigione”

Shawkan, il signore dello show. Così lo hanno ribattezzato, storpiando il soprannome, amici e i colleghi. Lui, Mahmoud Abu Zeid, 28 anni, professione fotoreporter, era in piazza Rabaa, al Cairo, il 14 agosto del 2013, per documentare – per conto dell’agenzia Demotix – la protesta dei Fratelli Musulmani del deposto presidente Mohamed Morsi contro il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.