Scarsa trasparenza, WhatsApp nel mirino dell’Antitrust

Scarsa trasparenza, WhatsApp nel mirino dell’Antitrust

Dal bollettino dell’Antitrust si è appreso ieri che è stato avviato un procedimento contro WhatsApp per non aver informato i consumatori, tramite pubblicazione sul suo sito Internet, delle numerose clausole vessatorie contenute nei suoi contratti. Nello specifico, l’Antitrust, dopo aver accertato, lo scorso 11 maggio, la vessatorietà delle clausole, aveva disposto, “in relazione all’esigenza di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.