Scalfari stordito dalle malefatte di B.

L’ultima performance di Eugenio Scalfari da Floris avrebbe meritato un’eco più vasta. Non tanto per l’ennesima cappellata nella quale è incorso (le sue defaillance culturali non fanno più notizia) quanto per il contesto argomentativo nel quale essa era inserita. La cappellata è consistita nel retrodatare di un paio di millenni la “scoperta” dell’autonomia della politica […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.