Scalfari buca con acqua

Leggendo avidamente su Repubblica le sempre croccanti omelie domenicali di Eugenio Scalfari, che partono alternativamente da Socrate, Platone o Aristotele per approdare tramite impervi percorsi logici – non senza qualche puntatina dall’incolpevole Altiero Spinelli in quel di Ventotene – alla santissima quaternità papa Francesco-Mario Draghi-Uòlter Veltroni-Matteo Renzi, ci torna sempre più spesso in mente il […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.