Sarajevo, migranti musulmani nella casa dove abitò Karadzic

L’ex leader condannato per genocidio

Durante il conflitto che tra il ’92 e il ’95 causò oltre 200mila morti, Radovan Karadzic (nella foto) era il leader politico dei serbi di Bosnia. Oggi attende l’esito dell’appello per la condanna a 40 anni inflittagli ad aprile dal Tribunale penale dell’Aja per genocidio e crimini contro l’umanità. Sarebbe lui il mandante dello sterminio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.