» Cronaca
sabato 14/07/2018

Salvini nel locale chiuso per il “caso Bettarini”

Il ministro festeggia la riapertura dell’Old fashion, sbarrato dopo l’aggressione

Viale Alemagna, due sere fa, il 12 luglio. Per nottambuli e affezionati della movida milanese, la data è da non perdere: riapre l’Old fashion café. E riapre in anticipo, dopo che il Questore Marcello Cardona ne aveva decretato la chiusura per 30 giorni a partire dal 2 luglio scorso. Motivo: il tentato omicidio ai danni di Niccolò Bettarini, figlio dell’ex calciatore e di Simona Ventura. Nelle motivazioni di via Fatebenefratelli si legge: “Grave episodio di violenza, persona ricoverata in codice rosso”. L’aggressione, va detto, non avviene all’interno del locale, ma fuori, a circa 300 metri davanti a un chiosco di bevande. Il titolare, Roberto Cominardi, fa ricorso al Tar. Il tribunale amministrativo concede una sospensiva, ovvero congela il provvedimento fino al 25 luglio, data in cui si riunirà il collegio per vagliare la nuova documentazione portata dalla Questura. Contenziosi amministrativi a parte, giovedì il locale riapre. Arrivano in molti, volti noti e no. Poi a serata iniziata, ecco le auto della scorta. Scende Matteo Salvini. Anche il capo del Viminale non vuole mancare all’occasione.

Maglietta nera e jeans, il ministro dell’Interno si fa immortalare con gli avventori e fuori dal locale con lo stesso Roberto Cominardi. La foto viene scattata ben oltre la mezzanotte del 12 luglio. Mancano due minuti all’una di ieri. Salvini la giornata di giovedì l’ha passata per buona parte a Innsbruck dove si è tenuta una riunione informale tra i ministri dell’Interno dell’Unione. Sul tavolo, la questione immigrazione. Questione che giovedì, in Italia, ha registrato l’ennesimo picco di drammaticità con la nave Diciotti lasciata in rada davanti al porto di Trapani per ore e proprio perché Matteo Salvini si opponeva al suo ingresso in porto. Sulla nave anche coloro che avrebbero minacciato l’equipaggio della Vos Thalassa, prima imbarcazione a intervenire per salvare le persone.

Presunti episodi di violenza che hanno consigliato di trasbordare i 67 migranti sulla Diciotti della Guardia costiera italiana. Come si sa, poi, la situazione è stata sbloccata anche grazie all’intervento del presidente della Repubblica. Insomma, tante grane e non di poco conto per Matteo Salvini che nonostante tutto, dopo la giornata cruciale passata in Austria e dopo aver ribadito via social il suo no allo sbarco, rientrato a Milano ha deciso di fare serata anche lui, tra la sorpresa dei tanti avventori. Roberto Cominardi ha chiosato così: “Salvini è passato da noi per bere qualcosa come fa spesso quando si trova a Milano”. Un habitué, dunque.

Un po’ di svago per allentare la tensione. Arrivo con tutta la scorta e all’insaputa della stessa Questura di Milano, come confermato ieri al Fatto Quotidiano. “Non ne sappiamo nulla”, questa in sintesi la risposta di via Fatebenefratelli. E del resto la presenza del referente di governo della polizia di Stato non pare esattamente una mossa azzeccata soprattutto perché la decisione di chiudere il locale arriva dal Questore. E anche alla luce di quello che è successo fuori dall’Old fashion la mattina del primo luglio, quando diverse persone (quattro identificate e arrestate) hanno aggredito Bettarini. Da lì la decisione di mettere i sigilli al locale. Locale storico e va detto, tra quelli all’avanguardia in fatto di controlli per la sicurezza.

Nonostante questo, la decisione di Cardona è irrevocabile e segue una linea precisa. Dal 2017 a oggi, il Questore ha fatto chiudere 152 locali. Una scelta forte che punta da un lato al controllo del territorio e dall’altro alla prevenzione. Il Tar poi ha deciso per la sospensiva, il locale può riaprire perché vanno tutelati anche gli interessi dei titolari. Una vittoria. Celebrata con la presenza del ministro. Il quale, forse, non conosce i personaggi di quell’aggressione. Uno, in particolare, di 24 anni, non indicato come l’accoltellatore, oltre ad aver subito un Daspo per lo stadio, ha un passione per l’ultradestra e ha rilevato un bar in zona Affori da un militante di CasaPound, candidato non eletto nel municipio 9. Anche per questo Salvini avrebbe dovuto avvertire la Questura prima di presentarsi all’Old fashion, soprattutto nel giorno di riapertura dopo la chiusura voluta dal Questore. Una scelta, spiega in tono polemico qualcuno all’interno della polizia, forse voluta vista la vicinanza di Cardona all’ex ministro Marco Minniti.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Procurato allarme

Fake news a Modena, prima condanna per attivista no-vax

La prima condanna a un no vax per fake news. Quattrocento euro di multa per “procurato allarme” a chi aveva esposto cartelloni contenenti notizie false. Lo ha stabilito il giudice Paola Losavio, gip di Modena, nei confronti di Magda Piacentini. La donna commissionò l’affissione di una serie di manifesti sei metri per tre nel febbraio , con la scritta: “Non speculate sui bambini, vogliamo la verità sui vaccini: 21.658 danneggiati nel triennio 2014-16 secondo i dati Aifa”. Ma i dati riportati dalle associazioni “Riprendiamoci il pianeta-Movimento di resistenza umana” e “Genitori del No Emilia Romagna”, attribuiti all’Agenzia Italiana del Farmaco, erano errati poiché si riferivano al totale di segnalazioni sospette e non ai bambini che avevano subito dei danni, come ammisero anche i No Vax su Facebook. Tuttavia, secondo il magistrato, l’errore era irreparabile. L’indagine scattò su esposto della Ausl Modena: “Finalmente un giudice l’ha spiegato ai cavernicoli che diffondendo pericolose bugie ci mettono in pericolo con la loro ignoranza e il loro egoismo”, commenta Roberto Burioni, professore ordinario di Microbiologia e Virologia al San Raffaele di Milano”.

Italia

Gli spari a Togliatti e il lato oscuro dei comunisti italiani

Cronaca

Disability Pride. Domani sfila il corteo per i diritti

Zaia, l’Unesco e gli skilift: lassù è guerra di cartine
Cronaca
Marmolada contesa

Zaia, l’Unesco e gli skilift: lassù è guerra di cartine

di
Wimbledon: trionfa Djokovic, Anderson ko
Cronaca
Il serbo rinasce 2 anni dopo

Wimbledon: trionfa Djokovic, Anderson ko

Cronaca
Lutto nel mondo scientifico

Addio a Franco Mandelli, sua la lotta alla leucemia

Cristiano Ronaldo è a Torino: oggi le visite
Cronaca
Alla juve con il jet privato

Cristiano Ronaldo è a Torino: oggi le visite

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×