Salvini fa il pokerista, Di Maio si fida poco: “Perché ora si sfila?”

Sul contratto si litiga, sul capo del governo anche (bruciato pure il “grillino” Conte) e il leghista mette in piazza i dissidi
Salvini fa il pokerista, Di Maio si fida poco: “Perché ora si sfila?”

Dai sorrisi e dai dettagli “da limare” al milionesimo rinvio e ai soliti sospetti, incrociati. Perché il nome definitivo del premier ancora non c’è, quelli dei ministri figurarsi, e sul contratto di governo i nodi sono belli grossi. E comunque per chiuderlo “servono altre 48-72 ore”, come precisa il capogruppo in Senato del M5S Danilo […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.