Salta il business delle cremazioni. E inguaia Savona

Il progetto. Il grande forno da 2000 salme, a forma di nave romana, costa 2,5 milioni, ma i defunti calano: ora il Comune rischia il default
Salta il business delle cremazioni. E inguaia Savona

Un tempio funebre a forma di nave romana. Capovolta”. Disse proprio così l’architetto. Poi un laghetto e un forno capace di cremare fino a 2.200 salme in un anno. Ma c’è un piccolo dettaglio: a Savona – per fortuna, verrebbe da dire – oggi manca la materia prima. Cioè i defunti, che negli ultimi anni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.