Saipem, le contraddizioni di Scaroni in aula

Il processo - L’ex ad di Eni, imputato per la maxitangente algerina, è stato interrogato per cinque ore
Saipem, le contraddizioni di Scaroni in aula

Ragionamenti, supposizioni, ipotesi a volte. Certezze anche, di parte ovviamente. Per scansare il peso dell’accusa di corruzione internazionale. Quasi cinque ore. Tanto è durato ieri l’interrogatorio in aula di Paolo Scaroni, ex ad di Eni, imputato nel processo milanese su Saipem e la maxi tangente da 198 milioni di dollari spesa, sostiene l’accusa, per ottenere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.